venerdì 24 novembre 2017

Il piccolo negozio della felicità hygge di Rosie Blake

Titolo: Il piccolo negozio della felicità hygge
Autore: Rosie Blake
Editore: Newton Compton 
Data: 2 novembre 2017
Genere: Contemporary romance


Trama

È autunno nella cittadina di Yulethorpe, e una pioggerella gelata scende da giorni. A rendere ancora più tristi gli animi arriva la notizia che l’ultima bottega del centro, l’adorabile negozietto di giocattoli della signora Louisa, sta per chiudere i battenti. Per Yulethorpe sarà un inverno più gelido del solito, ma la speranza ha il volto di un angelo biondo di nome Clara Kristensen. In paese per una vacanza, la ragazza è il ritratto della salute e della felicità. In lei tutto è hygge, come dicono i danesi: è allegra, solare, con un senso profondo della famiglia, ama le candele profumate, i bambini, i cani e i libri. Clara si rimbocca le maniche e rivoluziona il negozio, trasformandolo in un luogo magico e accogliente. In mezzo all’entusiasmo che ha contagiato grandi e piccini, però, salta fuori Joe. È il figlio della proprietaria, un tipo tutto business, sposato con il suo smartphone, e teme che quella di Clara sia una manovra per mettere le mani sugli affari della madre. Del resto, nessuno si darebbe tanto da fare solo per restituire il sorriso ai bambini, no? Tra esilaranti malintesi e scontri all’ultimo fendente, riuscirà Clara, con i suoi occhi azzurri e i modi scandinavi, a convincere lo scostante e ruvido Joe che il segreto della felicità non è il denaro?


Il piccolo negozio della felicità è un romanzo tutto da gustare. 
Al centro della storia c'è la parola "Hygge". 
Prima di leggere il romanzo non avevo la più pallida idea di cosa significasse. Pensavo fosse un esclamazione o un oggetto. Non di certo questo. 

Hygge è una parola danese che indica tutto quello che ci fa stare bene. 
Dal libro: «Non è soltanto una questione di candele e altri oggetti, è uno stile di vita. Credo che si tratti in sostanza di stabilire delle priorità. Il concetto fondamentale è che, se stiamo in casa e siamo circondati da amici, famiglia, buon cibo e belle cose, possiamo trascorrere dei momenti hyggelig». 

Clara per prima ammettere che in Danimarca, il paese con la popolazione più felice al mondo, si lavora 24 ore a settimana (Beati loro!). Quindi perché non vivere così? 

Tutta la vita di Clara si basa su questa filosofia. Lei è una ragazza dolce e creativa che arriva in un paesino inglese, Yulethorpe, cercando un posto da poter chiamare casa. 
Yulethope sta vivendo una grave crisi a causa degli acquisti online che stanno facendo chiudere tutti i negozi e, proprio l'unico pub esistente nella zona, assiste ad una discussione tra Louisa e Roz, in cui la donna dice di voler chiudere proprio negozio ed andarsene. 
Cercando qualcosa da fare Clara le chiede il permesso di poter vivere in casa sua e di occuparsi del negozio senza avere nulla in cambio. 
Pian piano grazie alla sua voglia di fare e alla sua creatività rivoluzionerà il negozio, rendendolo vivace e magico. 

Tutti inizieranno ad apprezzarla tranne uno: Joe, il figlio di Louisa. 
Lui è il tipico uomo in carriera focalizzato esclusivamente sul suo lavoro, sempre con il cellulare in mano ed altamente fissato sui risvolti economici. Inutile dire che il loro rapporto inizierà con il piede sbagliato, ma lentamente cambierà. 

Lauren e Clara entrarono: rimasero a guardarlo. Nicholas Sparks aveva parecchie spiegazioni da dare. Sentiva la gola ancora ingrossata per la commozione, il naso gli colava quando lo strofinò contro una manica della vestaglia. «Ehi», disse con voce roca, poi la borsa dell’acqua calda cadde per restare intrappolata tra le ciabatte enormi a forma di zampa. Clara e Lauren si fermarono a qualche passo da lui e lo fissarono. «Perché ci becchiamo sempre quando uno di noi sta piangendo?», disse Clara scoppiando a ridere, alleggerendo così l’atmosfera. Joe ancora non riusciva a parlare. «Cosa stavi guardando?», domandò Lauren con un’espressione accigliata, avvicinandosi appena vide il cofanetto del DVD. «Oh, mio dio», urlò con in mano il cofanetto, agitandolo verso di lui. «Le pagine della nostra vita. Da solo. Ma sei matto? C’è bisogno di tanta compagnia per questo genere di cose, di buoni amici. Stai bene? Vuoi che ti abbracciamo?».

Proprio questo mi è piaciuto del libro. La crescita dei personaggi. 
Clara da ragazza chiusa riesce ad aprirsi e Joe grazie alla "hyggezzazione" si renderà conto che nella sua vita c'è qualcosa di sbagliato. 
Inoltre i momenti che possono apparire un po' pesanti sono smorzati dalla scena Lady CaCa, la pappagallina di Luisa. 

Il romanzo ha uno stile fresco e leggero. Possibilmente da leggere in un posto Hygge, quindi con una bella tazza di cioccolata calda, luce soffusa e una bella coperta avvolgente. Avrà un effetto altamente rilassante.






giovedì 23 novembre 2017

Baby Don't Cry di Paola Gambarino


Baby don't cry 
Paola Gambarino 
427 pagine
Romance
#Self


Trama


Lui non mi aveva mai fatto male. A parte la prima volta, per parecchi secondi per me interminabili ma non l’aveva fatto apposta. E a parte nel mio cuore e lì l’aveva fatto apposta.
Ogni cosa mi faceva pensare a lui, perché Milo era dappertutto.
Ed era dappertutto perché era dentro di me.

Milo e Petra si conoscono dalle elementari e adesso stanno per laurearsi. Da anni sono amici con benefici, trascorrono momenti infuocati nel privato ma quasi si ignorano appena messo piede fuori dal letto. Come sono arrivati a questo punto?
Si può crescere con l’idea del principe azzurro e del lieto fine e non soccombere alla realtà delle relazioni moderne?

Questa è la storia di un piccolo grande amore, come ce ne sono tanti in ogni angolo del mondo, come molti che avrete visto fiorire tra i banchi di scuola, forse capitato a voi stessi. La storia di due ragazzi che il Destino decide di far incontrare, un ragazzo e una ragazza che si conoscono da bambini e crescono insieme, due anime che passano attraverso quell’esperienza straordinaria che è l'adolescenza, il diventare adulti, perdere le illusioni infantili cercando al tempo stesso di non lasciar scivolare via i sogni.





Ci si può innamorare al primo sguardo in quinta elementare?? Ebbene sì, perché è proprio quello che succede a Milo e Petronilla…Lui pur essendo ancora un bambino già sa cos’è il dolore, però quando vede questa bimba dai capelli scuri ed incredibili occhioni azzurri vomitargli sulle scarpe il primo giorno di scuola, scoppia in una risata come non gli succedeva da tempo, capisce così , sin d’allora, che quello scricciolo sarebbe stata la sua anima gemella…la sua Vomitilla...

Da bambini diventano ragazzini e poi adolescenti, con i primi turbamenti d’amore, tipici di quell’età, il primo bacio dato come penitenza al gioco della bottiglia, chiusi in un armadio, fa scattare la scintilla tra i due…Petronilla, o Nilla per gli amici, è una ragazzina insicura, Milo è troppo bello, a scuola tutte le ragazze sbavano per lui, non si sente alla sua altezza… I due ragazzi al liceo iniziano a frequentarsi più assiduamente, questo fino a quando Milo non parte per l’Inghilterra, il padre lavora lì e lui è costretto a seguilo. Con Nilla, all’inizio si sentono appena possono, poi la cosa inizia a scemare, con grande tristezza della ragazza che per dimenticare questa batosta, si lega ad un altro ragazzo.
Tutto questo dura 2 anni, fino a quando Milo rientra a Genova e cerca di riallacciare i rapporti con lei, Nilla è sempre stata nel suo cuore, al di là delle esperienze che ha avuto all’estero.
Care Girls, questo libro narra una storia molto particolare tra due giovani ragazzi, entrambi con un vissuto doloroso alle spalle. Il libro è narrato in prima persona, è Nilla che racconta, alternando i capitoli che parlano al passato e altri al presente, dai primi giorni delle elementari sino all'università, questo per farci capire meglio del perché dei cambiamenti che avvengono tra di loro, del loro amore, delle loro prime esperienze sessuali, degli allontanamenti, delle incomprensioni e bugie che mineranno inesorabilmente la loro storia d’amore. Nilla come dicevo prima è molto insicura, e sarà proprio questa sua insicurezza la causa principale di tutti i problemi che leggeremo… E’ una storia che emoziona, mi sono rivista in Nilla in più di un passaggio, è stato come un viaggio a ritroso nel tempo, a quando al liceo sbavavo anche io per il bello dell’istituto, alle cavolate fatte nelle gite scolastiche, alle gelosie tra i compagni.
La simpatia di Nilla è qualcosa di travolgente, ha una lingua tagliente e le sue battutine ironiche mi hanno fatto sorridere più di una volta. Mi sono anche commossa e percepito il suo dolore man mano che la storia andava avanti…quanta sofferenza ragazze, quanti errori si fanno in nome di quell’orgoglio che acceca, che indurisce i cuori …
Milo, da ragazzino dispettoso che non fa altro che prenderla in giro con quel soprannome affibbiatole sin da piccola, ovvero Vomitilla, diventa uomo e impareremo a conoscere, capitolo dopo capitolo, le sue particolarità caratteriali, il suo modo di amare di un amore genuino e profondo come ho visto in pochi romanzi che ho letto, certo, anche lui avrà le sue colpe nella storia con Nilla, ma saranno veramente così catastrofiche come le ha percepite lei??
Se volte capire i motivi del perché e del per come questa bellissima e travolgente storia d’amore, ha colpito il mio cuore, non vi resta che leggerlo mie care Girls !!!
Il mio voto è







mercoledì 22 novembre 2017

COVER REVEAL: "TRE PICCOLI FIORI DI VELLUTO VIOLA" di Emiliano di Meo






Trama:


Ci sono storie che alcuni vorrebbero impedirti di raccontare. Ti fissano portandosi l'indice davanti al naso per suggerirti di tacere.

Tacere ti permette di illuderti che alcune cose non siano successe.

Ci sono storie che alcuni non vogliono sentirsi raccontare, preferirebbero chiuderle in un cassetto e dimenticare.
Io quel cassetto ho scelto di aprirlo.












Biografia: 

Emiliano Di Meo vive a Roma ed esordisce nel 2013 come autore autoprodotto con “Il Chiaroscuro delle cose”.

A partire dalla sua prima opera sono subito evidenti i temi che gli sono più cari: l’introspezione dell’animo umano e il riconoscimento dell’amore come sentimento universale che non è più possibile imbrigliare nella distinzione tra i generi.

Emiliano Di Meo contribuisce a dar voce a una comunità come quella LGBT che ancora oggi si trova costretta a combattere per il pieno riconoscimento dei propri diritti.



L'amore è un attimo °instaLove" di Jessica Park

Buon Salve ragazze, questo libro l'ho divorato e adorato.
Credete nell' #InstaLove?? Ebbene se siete scettiche come me e non credete all'amore a prima vista con questo libro sognerete e il cinismo vi abbandonerà. 


Sperling&Kupfer
271 pagine
Romance 

TRAMA:

Adottata all'età di sedici anni, dopo una vita trascorsa a rimbalzare da una famiglia all'altra, Allison sa bene che è meglio non fare troppo affidamento sugli altri. Per questo tiene tutti a distanza. Ma, nonostante gli sforzi, ora, al suo terzo anno di università, riuscire a isolarsi è una vera e propria sfida, persino per lei. Nemmeno nascondersi dietro le sue amate cuffie sembra funzionare. E così, un pomeriggio, Allison viene suo malgrado trascinata in una specie di bizzarro esperimento sociale: improvvisamente, si ritrova seduta di fronte a una folla di spettatori, costretta a interagire con un perfetto sconosciuto per tre minuti. Tre semplici, e apparentemente innocui, minuti che la trascineranno in un vortice. Né lei né Esben Baylor, infatti, sono preparati alle conseguenze. Perché proprio quei tre snervanti ed elettrizzanti minuti cambieranno la loro vita per sempre, e per Allison saranno solo l'inizio per capire se per lei è finalmente arrivato il momento di avere fiducia in se stessa, negli altri e, soprattutto, nell'amore.

Dopo il successo di Sei in ogni mio respiro e Non ti lascerò cadere, Jessica Park, autrice bestseller del New York Times, torna in libreria con una nuova, romantica e intensa storia d'amore sull'imprevedibilità della vita, che ci ricorda come, a volte, basti davvero un attimo per innamorarsi.






Allison è una ragazza insicura, ha vissuto in affido da quando ricorda e ogni famiglia che l'ha poi scaricata, le ha trasmesso effetti negativi che si riversano nel suo carattere. 
E' taciturna e solitaria e tutte le paranoie che si è costruita l'hanno resa vuota e apatica, incredula nel poter credere che qualcuno possa amarla o solo affezionarsi a lei.
Questo fino a quando un uomo quarantacinquenne, gay, decide di adottarla. Nonostante gli anni trascorsi assieme, Allison nutre sempre la fobia che da un momento all'altro possa esser scaricata anche da lui, perchè non uguale e affettiva come tutte le sue coetanee. 
Il padre adottivo di Allison, Simon, è un vero simpaticone ,è impossibile non adorarlo e non amare i suoi modi alternativi per incoraggiare e supportare la figlia. 

Allison inizia il terzo anno di università contando solo sulle sue forze e sull'inseparabile amica conosciuta in una famiglia in affido insieme a lei, Steffi che abita dall'altra parte del paese e con cui si sente regolarmente per telefono. Allison è convinta che esista solo una persona per lei e quella è Steffi, la sua forza, la sua roccia, la sua confidente più intima, colei che la capisce solo da uno sguardo. In un giorno di totale malinconia, Allison viene fermata da un'estranea con la richiesta di sedersi su una sedia e guardare negli occhi un'altra persona per 180 secondi, senza mai abbassare lo sguardo. Presa alla sprovvista Allison accetta e si ritrova così a fissare gli occhi di uno dei suoi compagni di corso più acclamato dell'Università, Esben Baylor.

Esben Baylor, è un bel ragazzo, studente di sociologia che, insieme alla sorella, conduce esperimenti sociali e li posta su un blog rinomato in tutto il paese. In uno di questi esperimenti si ritrova davanti Allison, e in quei 180 secondi che sembrano durare un'eternità i due ragazzi si leggono l'anima. Allo scadere dei 3 minuti i due ragazzi si cercano, si abbracciano e si baciano appassionatamente, Allison ha abbattuto quel muro dal suo sguardo, permettendo per la prima volta a qualcuno di entrare in connessione profonda con lei. 
Non sa spiegarsi neppure il motivo, sa solamente che per la prima volta in vita sua ha calato le difese dopo i primi secondi di sguardi di sfida… mano a mano che il tempo passava, sentiva la necessità di creare un legame con qualcun altro, provando una sensazione di leggerezza, di pace con se stessa. L'intimità creata dai due giovani viene ripresa da una telecamera, in quanto esperimento sociale, video che una volta in rete diventa virale, tanto da giungere agli occhi dell'amica Steffi che prontamente con un volo aereo si reca dall'amica per incitarla ad un legame con Esban.

Allison da outsider si ritrova ben presto sull'occhio del ciclone, tutti la riconoscono e vogliono sapere se ci sono sviluppi con il bel blogger, lei odia questa situazione, stava bene nella sua nicchia di solitudine ed è infastidita da Esban per aver permesso che accadesse tutto ciò. 
Con Steffi al suo fianco, che la incoraggia con una bella dose di alcol, Allison affronta Esben e ben presto si ritroverà a capire che quel ragazzo può essere sul serio qualcuno di importante per lei, che non per forza aprire il suo cuore ad altre persone, come Simon (il padre adottivo) ed Esben, possano cacciare l'unica persona che l'ha sempre amata, Steffi. Ma i meccanismi mentali di Allison, che non le permettono di sentirsi degna di essere amata, le metteranno i bastoni tra le ruote…

Una bugia a fin di bene da parte di Esben, metterà in discussione il loro rapporto, in quanto il fragile mondo interiore di Allison, crollerà irrimediabilmente. 

Ho pianto, ho sorriso, mi sono innamorata di Esben e di Allison, mi sono emozionata e poi ho sofferto. 
I temi trattati in questo libro sono forti: abbandono, solitudine, negazione, malattia, sensi di colpa e violenza...e ogni tassello trova il suo posto nell'eccezione positiva. 

E così l'abbandono diventa rimanere con qualcuno, prima con Steffi , poi con Simon e altre splendide persone. 

La solitudine si trasforma in bisogno di relazionarsi con gli altri, che sono fonte di ricchezza personale, e nella ricerca di persone che ti supportano e che ti sono amiche. 

Negazione dei meccanismi mentali, creati dai problemi passati, diventano accettazione di quelle dinamiche psicologiche che vincolavano il presente e il futuro, lavorando su se stessa per annientarle. Vorrei svilupparvi anche gli altri punti, ma il rischio di spoiler è veramente alto. Quindi questa parte la termino qui. 

Allison non è una ragazza che si piange addosso e nemmeno Steffi, son due guerriere che cercano il meglio per loro stesse e anche se si creano dei paletti attorno, mano a mano cedono, capendo che hanno bisogno dell'altro e di altro. 
Sebbene l'inizio parta un pochino lento, poi il libro si riprende e la narrazione, pagina dopo pagina, crea dipendenza, la lettura non è mai pesante. 
E' scritto divinamente, la trama è coinvolgente e l'empatia con i protagonisti è al top.

Alla prossima recensione Bookish








martedì 21 novembre 2017

Inganno finale di Brenda Mill

TITOLO: Inganno finale a Manhattan (The series of deceptions#5): Nell'ombra siamo nati e nell'ombra dobbiamo restare.
AUTORE: Brenda Mill
EDITORE: Self-Publishing
DATA PUBBLICAZIONE: 10 novembre 2017
GENERE: Dark romance
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 1,99

Trama:

Ossa rotte, cuore in frantumiTutto sembra perduto. Tutto sta andando rapidamente in pezzi

La caccia è iniziata. E Daniel Green, come ogni abile predatore che si rispetti, vorrebbe sua moglie nuda, vestita, la vorrebbe in tutti i modi possibili e immaginabili. Ma, soprattutto, la vorrebbe viva tra le sue braccia. Dov’è Phoebe Stone? Il più intricato degli enigmi sta per trovare risposta. Il più devastante dei dilemmi rischia di capovolgere ogni equilibrio nei secoli creatosi all’interno della bene vixit qui bene latuit. Il momento delle sentenze è arrivato. Dereck deve saldare i suoi debiti e scontare le proprie colpe. Phoebe e Dan, dal canto loro, meritano di amarsi come una coppia normale. La profezia, però, è dietro l’angolo pronta a ricordare a tutti quanto la falsità degli esseri umani sia una caratteristica abbastanza ostica da estirpare. E quanto per alcune famiglie dell’alta società newyorchese la nobiltà d’animo sia, e sempre sarà, solo una questione di punti di vista.




Questo romanzo fa parte di una serie da leggere nel seguente modo:

1°volume: Inganno globale
2° volume: Inganno fatale
3° volume: Inganno letale
4° volume: Inganno mortale
5°volume: Inganno finale



AVVERTENZE

Per la drammaticità e la complessità degli argomenti trattati in questa serie, se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole. In tutti i romanzi che la compongo, infatti, sono presenti abusi e soprusi di ogni tipo con sfumature dark.











«Siete proprio sicuri di non aver fatto l’ennesimo errore? Daniel Green, più che un angelico leader, sembra un diavolo assetato di vendetta», Kendra ancora non ha compreso l’importanza del suo silenzio.
«Ormai la scelta è stata fatta», Aaron la rimprovera, sferrandole una pacca sul fondoschiena.
«Oh, ma da che parte stai? Io sono tua moglie!», si irrita lei, facendo un passo indietro.
«No, tu sei la madre di Christian Swash. Niente di più. A farti retrocedere nella classifica dei miei affetti personali c’è un piccolo dettaglio che ricordo piuttosto bene: la relazione con Dereck Moore. Mi dispiace per te, ma ho un’ottima memoria», Aaron non ha più nulla da perdere, proprio come il sottoscritto. È libero di dire e fare ciò che meglio crede.
«Basta. Non voglio sprecare il mio fiato un minuto di più! La bene vixit qui bene latuit con me ha chiuso per sempre.» Ecco la dichiarazione di Kendra che tutti aspettavamo da tempo.
«Diciamo che sei tu ad aver chiuso con noi», Samantha la trascina per la coda dei lunghi capelli biondi sulle scalette ancorate al porto e la costringe a scendere.
Niente più maschere o vestiti scintillanti.
Sono tutti essere umani nelle mani di Daniel Green, l’uomo che un tempo era considerato il traditore e che adesso, a sue spese, viene visto come una leggenda.

***

«Mai. Non mi perderai mai», Phoebe fissa il tatuaggio che le ho fatto sul braccio e poi me.
«Prima o poi ti racconterò la storia di una ragazzina un po’ brilla alla ricerca della propria resurrezione», sfioro l’anello con le fiamme che mi adorna il dito e l’abbraccio.
Avverto il profumo dei suoi capelli sul mio petto, e il tocco delle sue mani di nuovo su di me. Il calore del corpo di entrambi cresce a dismisura ogni secondo che passa, e non ricordo di averla mai vista così coinvolta, soprattutto durante un rapporto sessuale.
Che uomo stupido che sono!
L’essenziale era proprio qui, a un passo da me.
E con i soldi, il lusso e il potere, non aveva proprio niente a che spartire.
Potevo conquistarla con le sensazioni e non con palate di dollari.



☆☆☆☆☆☆GIVEAWAY 2 EBOOK IN OMAGGIO
Come fare?
1) Cliccate mi piace sulla pagina autrice: https://www.facebook.com/Brenda-Mill-1552884488302989/?fref=ts
2) Invitate cinque amici a fare altrettanto!
3) Fate richiesta d’amicizia alla scrittrice e scrivere IO PARTECIPO in bacheca. https://www.facebook.com/profile.php?id=100009186759333&fref=nf&pnref=story
Estrazione prevista per il 9 novembre.
BUONA FORTUNA A TUTTE!





BIOGRAFIA


Brenda Mill nasce a Lecce. Nel suo nome e nelle sue vene scorre tanto il sangue del sud quanto il sangue americano. Appassionata fin da piccola di serie televisive statunitensi, ha coltivato la passione per la Grande Mela con gli anni. I suoi studi sono balzati dal liceo classico al sociopsicopedagogico, per approdare in conclusione alla facoltà di lettere e filosofia. Ha iniziato a scrivere per diversi giornali online fino a diventare un’articolista specializzata nel lusso. Detesta i rettili e le persone che non si fanno gli affari loro. Non esclude di essere stata nelle vite precedenti un incrocio tra Xena ed Elisa di Rivombrosa. Adora il caos e, come ogni donna, tutto ciò che brilla e non può permettersi. Inganno Globale è stato il suo romanzo d’esordio, da allora, come un fiume in piena, non si è più fermata nella stesura di opere dalle sfumature dark e fortemente suspense.


Il brigante Giuseppe Mayno di Liliana Angela Angeleri

Trama: 

GIUSEPPE MAYNO (della Spinetta). Nato a Marengo nel 1784, figlio di un carrettiere. Studia con profitto. Tutti sperano e, anch’egli crede, d’avere la vocazione di diventare sacerdote. A sedici anni è alto e bellissimo, con capelli e occhi scuri. Dopo alcuni anni, il governo obbliga, anche ai seminaristi il servizio di leva. In un’osteria, Mayno subisce l’angheria di un sottotenente. Si nasconde e ricompare dopo tre anni. A vent’anni il suo corpo è molto atletico. Dopo aver trascorso gli anni di latitanza nella banda di Giacomo, un fuorilegge calabrese, si dà alla macchia nel 1803, dopo le nozze con Cristina Ferraris, per aver infranto la proibizione dell’uso delle armi da fuoco, imposta dagli occupanti francesi. Diventa capo di una banda agguerrita (200 uomini a piedi e 40 a cavallo, la maggioranza in fuga dall’arruolamento forzato nell’esercito napoleonico), che dà parecchio filo da torcere alla Gendarmeria Imperiale. Ruba ai ricchi per aiutare i poveri. Le sue imprese spericolate gli guadagnano l’appellativo di “terreur des Departement au delà des Alpes”: sono storici alcuni colpi clamorosi come l’aggressione al ministro Saliceti, commissario del governo napoleonico, al gen. Milhaud e al convoglio del Papa Pio VII che andava a Parigi per l’incoronazione di Napoleone (1804). Abile nei travestimenti e nelle beffe ai gendarmi francesi, Mayno va e viene e passa in incognito sotto il naso delle forze dell’ordine, grazie a connivenze e all’aiuto della popolazione rurale, di cui interpreta l’attaccamento all’ordine tradizionale (Trono e Altare) contro l’oppressione straniera e contro la guerra. Con ingenua polemica col Bonaparte (col quale ha un colloquio segreto a Milano), Mayno si fa chiamare Re di Marengo e Imperatore delle Alpi. La moglie non vuole seguirlo nei rifugi segreti sui monti, perciò Mayno è costretto, nottetempo, a visitarla a Spinetta. Se vi informassi come finisce la sua storia avventurosa vi toglierei uno dei più grandi piaceri di questa lettura. Vendicatore di torti e di ruberie subite dalla popolazione inerme, è il “Passator cortese” del Piemonte. Le sue imprese sono subito entrate nella leggenda e hanno dato materia a romanzi, drammi popolari, e copioni del teatro d’animazione (marionette e burattini).







Care rAgazze,

La lettura che vi propongo oggi è un genere completamente diverso da quello che leggo di solito.

” Il brigante” è un libro scritto da Liliana Angeleri e narra della vita e delle avventure del brigante Giuseppe Mayno, personaggio storico realmente esistito. La storia descritta offre un interessantissimo spaccato( oltre che del personaggio ) della società, della cultura, delle tradizioni del Piemonte di fine 700-inizi 800. Scrivere e svelare troppo e togliere il piacere della lettura sarebbe davvero criminale perché il romanzo in questione è uno di quei libri incalzanti, l’intreccio è accattivante e piacevolissimo, il linguaggio è perfettamente consono all’atmosfera storica di un’Italia assoggettata da occupanti francesi, dove vigeva la legge del più forte e dove i potenti spadroneggiavano impunemente. Proveniente da una famiglia umile e numerosa il giovane ex seminarista Giuseppe Mayno si arruola nell’esercito e da qui emerge il suo carattere ribelle e insofferente verso le ingiustizie e le prepotenze,proprio a causa del carattere impulsivo e impavido è costretto a darsi alla macchia dopo l’uccisione di un suo superiore. Da questo momento in poi dopo varie vicissitudini mayno diventa capo di una banda armata che diventa man mano più numerosa, il giovane ribelle è diventato un personaggio eroico, una sorta di Robin Hood piemontese che difende i contadini dalle angherie dei francesi.

Non voglio aggiungere molto perché tutte le avventure ,anche amorose (non manca un poco di romanticismo) di questo eroe (entrato nello scenario comune come simbolo di giustizia popolana e forse un po' ingenua, una sorta di figura molto romantica di brigante e sicuramente lontana da quello che intendiamo oggi con brigantaggio) sono da vivere in prima linea leggendo queste pagine. Quello che colpisce dell’intreccio narrato è la grande attualità dei temi e dei problemi, l’autrice ci narra una serie di avventure reali, piene di errori e di crimini ma che ci fanno venire voglia di sperare ancora in un qualcuno che possa riscattarci ,suscitando simpatia verso un personaggio forse non proprio pulito ma dall’animo profondamente nobile, che non possiamo fare a meno di ammirare nella remota speranza di un futuro senza prepotenze, grazie all’intervento di un uomo che sbaglia, ama, vive tutto con passione dall’inizio alla fine.

La lettura risulta scorrevole, fa venire voglia di saperne sempre di più, i dialoghi e le scelte stilistiche sono azzeccatissime e ineccepibili, le vicende descritte sono il frutto di una grande ricerca storica approfondita, dove nulla è trascurato ma tutto è profondamente interessante e accurato. Uno dei migliori romanzi storici degli ultimi tempi.


Buona lettura!






lunedì 20 novembre 2017

Istantanee Donna di Davide Rocco Colacrai

Istantanee Donne
Davide Rocco Colacrai
Le Mezzelane
61 pagine


Trama:

La donna che Colacrai ci presenta in questo libro è, secondo le sue stesse parole, "un concerto, fragile e netto, quasi un respiro corale di libellula,/ a raccolta d’uomo,/ nel silenzio d’arpa di una preghiera./ Un cuore grande dai sogni di altre, e mai troppe, voci. Come le coincidenze del mondo addosso alla notte sul cuscino."
"Quanto dolore da incomprensione, quanta sofferenza da un bilancio d’amore sempre in credito, sanguinano dai versi di Davide. Le sue donne vincono nel canto tanto quanto perdono ogni giorno nelle umane, troppo umane, spesso bassamente umane, transazioni." (Prof. Danilo Breschi )




Cover Reveal - Il colore del caos - Giovanna Roma


È con grande emozione che vi svelo la cover de Il colore del caos, standalone di genere forbidden romance. Ancora una volta Letitia - RBA Designs ha dato vita a una copertina fedele al romanzo!
Ora vi lascio alla trama e a un irripetibile giveaway!




TITOLO: Il colore del caos
Self-publish
AUTRICE: Giovanna Roma 
GRAFICA:  RBA Designs - Romantic Book Affairs
FORMATO: digitale e cartaceo
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 dicembre 2017

BLURB REVEAL


Lui indossa jeans e tatuaggi. Io una divisa scolastica.
Lui ha un lavoro che ama, io una vita che odio.
Scott Turner è uno stronzo ventisettenne. Io, Allison Newborn, ammetto di essere una sedicenne difficile da gestire.

Gli sono caduta tra capo e collo e per questo crede di dettare le regole. Certo, continua a ripetertelo.
Abbandonata al lusso di una vita agiata, con due genitori sempre presi da sé stessi, è difficile obbedire agli ordini.

Tutto in lui gli urla di starmi lontano.
Tutto in me prega di combattere dei sentimenti che dovrei rinnegare.
Non abbiamo scelta, siamo costretti a trovare l'armonia in questo caos.
A volte gli incontri avvengono nel tempo sbagliato.
Ci trasformano per sempre.
Ci costano tutto.

Cos'altro può accadere a un amore proibito? 



✧ BOOKTRAILER ✧ 
                                 
Le sorprese non finiscono qui! *-*
Tutti coloro (bloggers letterari e non) che desiderano leggere & recensire in anteprima Il colore del caos, possono partecipare al contest:

  




ARC (Advanced Review Copy). 
Non sapete di cosa si tratta?
Semplice. ;) L'autore consegna un numero di copie del suo romanzo inedito in cambio di una recensione onesta (su blog, goodreads, kobo, amazon e tanti altri).
In palio ci sono solo copie digitali e l'invio della scheda, non comporta l'immediata e certa consegna del romanzo.
Avete tempo fino al 02/12/17 per rispondere.


Allora, cosa ne pensate? Ho stuzzicato la vostra curiosità? 
Seguitemi sulla mia Pagina FB per essere sempre aggiornati, e unitevi al gruppo Giovanna Roma's News per avere accesso a tante anteprime e seguire la stesura dei miei romanzi. Mi raccomando, condividete il post. <3 

Website / Instagram / Pinterest / Youtube / Pagina Amazon / Facebook / Google + / Twitter / Goodreads